18 Giugno 2019 - 00:39

home articoli cultura giornali contattaci guestbook links ultimissime
Google
Bruno Russo- [ EVENTI ] VOLA E VA ( da "Il ROMA" del 26/02/2011 pag. 11 )
VOLA E VA’ CON GAETANO CERRITO Gaetano Cerrito è il guidatore di una macchina speciale, che corre sulle strade a percorrenza limitata che conducono a...
[ EVENTI ] QUANDO LA POESIA E’INCONTRO DI CULTURA E SOLIDARIETA’ ( da "Il ROMA" DEL 12/01/2011 pag. 12 ).
Cosa c’entra la poesia e le nuvole, con un condimento particolare come l’aglio? Ce l’ha spiegato il poeta italo-argentino Carlos Sanchez, condividendo...
Bruno Russo- [ EVENTI ] I MIEI PRIMI 40 ANNI ( da "il ROMA" del 12/01/2011 pag. 23 )
Napoli sta cambiando, almeno in questo: sta presentando una cultura del ritrovo giovanile, che considerati i coprifuochi di varie zone della collina ...
ARCHIVIO SPORT-MAGGIO 2010-Edgardo Spiezia: Il campionato italiano di calcio 2009-2010.
PUNTO SUI CAMPIONATI DI ECCELLENZA E PROMOZIONE CAMPANA

Con la domenica calcistica appena trascorsa si è chiusa la stagione regolare dei massimi campionati calcistici regionali della regione Campania , ora si tornerà in campo il 9 maggio per la post-season (Play-Off e Play-Out).
Il campionato di Eccellenza ha visto l’affermazione e quindi il ritorno nel Campionato Nazionale Dilettanti (ex Serie D) di due grandi piazze calcistiche il Nola (Girone A) e la Battipagliese (girone B) , mentre altre grandi piazze si giocheranno le loro chance di promozione nei play-off , nel girone A si sono qualificate Internapoli , Arzanese e Quarto , invece nel girone B Ebolitana 1925 e Baronissi Calcio (Vis Nocera).In coda retrocedono nel girone A grandi piazze come Savoia (ritirato a metà stagione) e Atletico Puteolana (Real Boschese) , nel girone B la Felice Scandone Montella , mentre si giocheranno ai Play-Out la permanenza nel massimo campionato regionale li Parete Calcio e la Rita Ercolano nel girone A , e Baia 2006 , Real Irpinia , Solofra e Striano nel girone B.
Nel campionato di promozione non ci sono state sorprese per quanto riguarda la vittoria finale , infatti i 4 gironi sono stati vinti dalle squadre favorite della vigilia , approdando pertanto nel massimo campionato regionale (Eccellenza) , Isola di Procida (girone A) , Atletico Nocera (girone B) , Sarnese (girone C) e Serre (girone D), mentre approdano alla lotteria dei Play-Off San Pio Mondragone , Real Volturno e Real Suessola (girone A) , Pimonte , Massalubrene , Sanità e Anacapri (girone B) , Cervinara , Rione Mazzini , Vendicano e Palmese (girone C) , Baratta , Roccadaspide , Montecorvino Rovella e Calapazio (girone D).In coda retrocedono in Prima categoria piazze storiche come Acerra , Caivano e Maddaloni (girone A) , la neo-promossa San Valentino e la squadra farsa Sant’Anastasia (Portici Soccer) che ha perso quasi tutte le partite o perché giocate con giocatori non tesserati o perché giocati con la juniores (girone B) , le neo-promosse Virtus Fredane , Carotenuto e Intrepida , ritiratosi a metà campionato (girone C) , Sporting Alba e Olevanese (girone D) , si giocheranno invece ai Play-Out le residue speranze Ristor Lettere e Angri Soccer (girone B) Scuola Calcio Spes e Don Bosco Salerno (girone D).
Tra i talenti emersi in questo campionato da segnalare alcuni calciatori della neo-promossa Sanità Napoli che ha fatto un campionato straordinario qualificandosi contro pronostico per i Play-Off, il terzino Diego Mottola (classe 91), il difensore centrale Luca Milano (classe 90), il jolly Marco Maturo (classe 90) e i centrocampisti offensivi Antonio Serpe e Gennaro Vassallo (classe 90).

PLAY-OFF ECCELLENZA

GIORNE A : ARZANESE contro la vincente di INTERNAPOLI- QUARTO
GIRONE B : EBOLITANA 1925 – BARONISSI CALCIO (VIS NOCERA)

PLAY-OUT ECCELLENZA

GIRONE A : RITA ERCOLANO – PARETE
GIORNE B : BAIA 2006 – REAL IRPINIA e SOLOFRA – STRIANO

PLAY-OFF PROMOZIONE

GIRONE A : SAN PIO MONDRAGONE contro la vincente di REAL VOLTURNO –REAL SUESSOLA
GIRONE B : PIMONTE – ANACAPRI e MASSALUBRENSE – SANITA’
GIORNE C : CERVINARA – RIONE MAZZINI e VENTICANO – PALMESE
GIRONE D : BARATTA – ROCCADASPIDE e MONTECORVINO ROVELLA – CALPAZIO

PLAY-OUT PROMOZIONE

GIORNE A : non si disputano
GIRONE B : ANGRI SOCCER - RISTOR LETTERE
GIORNE C : non si disputano
GIORNE D : SCUOLA CALCIOO SPES – DON BOSCO SALERNO

IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE A

La 33° giornata non ha deluso le aspettative, infatti, è stata caratterizzata da partite combattute e molto spettacolari con ben 34 realizzazioni, dimostrando ancora una volta, nel caso ci fossero dubbi, che questo campionato resterà apertissimo fino alla fine su tutti i fronti.
La giornata si aperta come al solito con i due anticipi del sabato che hanno regalato grandi emozioni, si è iniziato alle 18 con Napoli –Parma che ha visto il successo degli ospiti per 3 a 2, al termine di una partita molto avvincente, che frena le ambizioni Champions del Napoli, ma allo stesso tempo rilancia le speranze europee dei ducali, il sabato calcistico si è chiusa con l’attesissimo Fiorentina - Inter che si è concluso con uno spettacolare 2 a 2 che ha costretto i nerazzurri a cedere la prima posizione in classifica per la prima volta in questa stagione e con i viola ancora in corsa per un piazzamento europeo.
La domenica calcistica non è stata da meno, in primo piano naturalmente la vittoria della Roma per 2 a 1 sui bergamaschi dell’Atalanta che ha consentito ai giallorossi di balzare al primo posto solitario della classifica dopo ben 2 anni e mezzo, chi invece non ha approfittando del mezzo passo falso dell’Inter è stato il Milan che si è fatto bloccare in casa per 2 a 2 dal Catania, una delle squadre più in forma del campionato, queste due partite hanno dato una svolta significativa anche per la lotta salvezza, infatti, il Catania si può quasi considerare salvo, mentre per l’Atalanta si fa molto dura anche in virtù della vittoria dell’Udinese per 2 a 0 a Livorno (ormai spacciato) e della Lazio 3 a 2 Bologna (5° sconfitta consecutiva), nella lotta per la salvezza c’è da segnalare il colpo di coda del Siena che non vuole mollare, infatti, ha battuto il Bari per 3 a 2 in una gara spettacolare in cui hanno vinto le maggiori motivazioni dei padroni di casa. Per quanto riguarda la lotta per il 4° posto, cioè l’ultimo utile per la Champions League, importanti vittorie del Palermo per 3 a 1 sul Chievo (di nuovo in zona pericolo) e della Juventus per 1 a 0 sul Cagliari (già salvo da tempo).
La giornata è stata chiusa dal posticipo serale che era il piatto forte della giornata cioè il derby della lanterna tra Sampdoria e Genoa che si è concluso con la vittoria per 1 a 0 dei doriani, che sono ancora in corsa per il 4° posto, mentre si rallenta la rincorsa europea per i grifoni.

PRESENTAZIONE 34° GIORNATA SERIE A

La 34° giornata della Serie A si prospetta molto affascinante con sfide decisive, dalle quali potrebbero uscire i primi verdetti sia in testa che in coda, passando nel dettaglio la giornata sarà aperta dall’inconsueto anticipo di venerdi sera (per garantire ai nerazzurri un giorno in più di riposo in vista della semifinale di andata di Champions League di martedi contro il Barcellona) nel quale si sfideranno nell’attesissimo derby d’Italia Inter e Juventus, con entrambe le squadre quasi obbligate a vincere per non dire addio ai propri obiettivi, i nerazzurri per non perdere ulteriore terreno dalla testa della classifica, i bianconeri per evitare di staccarsi troppo dal 4° posto, l’ultimo utile per la Champions. Stesso incrocio di obiettivi anche nella sfida domenicale tra Sampdoria e Milan, con i blucerchiati che cercano di difendere il 4° posto ed i rossoneri che si giocano le ultime chance, dopo il passo falso casalingo di domenica scorsa, per restare agganciati alla lotta per lo scudetto. In ottica Champions League turno esterno per le altre due pretendenti, il Palermo va a Cagliari contro una squadra già salva ma in crisi in risultati, infatti, è stato esonerato l’allenatore Allegri al suo posto Festa, invece il Napoli va a Bari, anche in questo caso contro una squadra già salva, che però stà esprimendo un bel gioco soprattutto in casa dove cercherà di non deludere i numerosi e calorosi sostenitori, dal canto suo il Napoli sarà privo di ben 3 giocatori squalificati (Quagliarella, Cannavaro e Aronica).Per quanto riguarda le ambizioni europee, partita da dentro o fuori tra Parma e Genoa, che se dovesse finire in pareggio potrebbe significare per entrambe la fine della corsa all’Europa League, in tale ottica si gioca le ultime carte anche la Fiorentina, che dopo essere stata eliminata nella semifinale di Coppa Italia dall’Inter perdendo cosi la possibilità di accedere alle coppe europee tramite la Coppa Italia, è chiamata alla difficilissima trasferta di Bergamo contro l’Atalanta, che si gioca le ultime chance di salvezza. Nella bagarre salvezza ci saranno 3 sfide da brividi, la prima tra Udinese e Bologna , con i friulani in netta ripresa sia di gioco che di risultati ,al contrario i felsinei sono in crisi sia di gioco che di risultato, ma a conti fatti potrebbe bastare ad entrambe il pareggio, la seconda sfida salvezza vedrà opposte Chievo e Livorno, con i veronesi quasi salvi , pertanto gli potrebbe bastare anche un pareggio , viceversa al Livorno anche la vittoria potrebbe non bastare dopo lo scivolone casalingo della settimana scorsa, stesso discorso nella sfida tra Catania e Siena anche qui i padroni di casa con un pareggio sarebbero praticamente salvi mentre agli ospiti anche una vittoria potrebbe non bastare. Chiude la domenica calcistica il piatto forte della giornata, il derby capitolino tra Lazio e Roma, denso di significati ed intrecci di classifica e orgoglio, da un lato una Lazio che dopo la vittoriosa trasferta di Bologna è quasi salva, e dall’altra i giallorossi capolista della classifica, entrambe venderanno cara la pelle, i biancocelesti oltre ai motivi di classifica (salvezza) avranno lo stimolo di frenare la corsa scudetto dei giallorossi, viceversa la Roma oltre ai motivi di classifica (scudetto) avrà lo stimolo di complicare la corsa salvezza dei biancocelesti, pertanto si annuncia una sfida molto combattuta e spettacolare.


CLASSIFICA :

1) ROMA 68 11) BARI 43
2) INTER 67 12) CAGLIARI 40
3) MILAN 64 13) CATANIA 39
4) SAMPDORIA 54 14) CHIEVO 38
PALERMO 54 UDINESE 38
6) JUVENTUS 51 16) LAZIO 37
7) NAPOLI 49 17) BOLOGNA 35
8) FIORENTINA 46 18) ATALANTA 31
PARMA 46 19) SIENA 29
10) GENOA 45 20) LIVRONO 26


IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE A

La 34° giornata non ha deluso le attese, infatti, è stata caratterizzata da partite combattute fino al triplice fischio dell’arbitro , e molto spettacolari con ben 31 realizzazioni.
Il turno calcistico è stato inaugurato dall’anticipo di venerdì sera, nel quale l’Inter , nell’importantissimo derby d’ Italia ha battuto 2 a 0 la Juventus, restando in scia alla capolista Roma, viceversa i bianconeri devono probabilmente dire addio ai sogni di partecipare alla prossima Champions League, infatti il 4° posto , l’ ultimo utile per la qualificazione alla manifestazione dista oramai 6 punti. In ottica Champions League le partite domenicali hanno visto l’ allungo della Sampdoria che battendo in rimonta al 91° per 2 a 1 il Milan , per il quale sfumano i sogni di scudetto distante ora 7 punti , ha posto una seria candidatura per il 4° posto , non molla il Palermo anche se costretto al pareggio esterno per 2 a 2 (da 0 a 2) contro un coriaceo Cagliari, chi invece torna a sperare è il Napoli che con la vittoria corsara di Bari per 2 a 1 supera la Juventus posizionandosi al 6° posto ultimo utile per l’ Europa League.
Nella corsa europea spera ancora il Genoa che con la vittoria di Parma per 3 a 2 raggiunge un duplice obiettivo continuare la sua rincorsa europea e allo stesso tempo eliminare dalla corsa il Parma , alla fine di questa giornata tramontano probabilmente anche i sogni europei della Fiorentina che viene sconfitta per 2 a 1 a Bergamo dall’ Atalanta , dal canto suo torna a sperare l’ Atalanta anche in virtù dei risultanti dagli altri campi.
Come detto in ottica salvezza si rilancia l’ Atalanta che si avvicina a soli 2 punti dal Bologna , che è stato raggiunto al 91° sul 1 a 1 a Udine dall’ Udinese nella sfida salvezza, pari anche nell’ altra sfida salvezza tra Catania e Siena che termina 2 a 2 , un pareggio che tiene ancora in corsa i toscani ma con possibilità ridotte oramai al lumicino , per quanto riguarda gli etnei è stato un passo indietro tuttavia si avvicinano alla quota salvezza , anche il Chievo con il successo nell’ anticipo del sabato per 2 a 0 sul Livorno si avvicina alla quota salvezza , a questo punto può considerare praticamente salvo , invece il Livorno non è condannato solo dalla matematica.
La giornata è stata chiusa dall’attesissimo posticipo serale, il derby capitolino tra Lazio e Roma, che ha visto al termine di una partita combattuta e spettacolare, prevalere i giallorossi per 2 a 1 in rimonta, questo successo consente alla Roma di mantenere la testa della classifica, viceversa la Lazio torna nella zona calda della classifica ora ha solo 3 punti di vantaggio sull’Atalanta.


1) ROMA 71 11) BARI 43
2) INTER 70 12) CHIEVO 41
3) MILAN 64 CAGLIARI 41
4) SAMPDORIA 57 14) CATANIA 40
5) PALERMO 55 15) UDINESE 39
6) NAPOLI 52 16) LAZIO 37
7) JUVENTUS 51 17) BOLOGNA 36
8) GENOA 48 18) ATALANTA 34
9) FIORENTINA 46 19) SIENA 30
PARMA 46 20) LIVORNO 26

PRESENTAZIONE 35° GIORNATA SERIE A

La 35° giornata della Serie A si prospetta emozionante e spettacolare con sfide molto importanti sia per la testa della classifica che per la coda, passando nel dettaglio la giornata sarà aperta dagli anticipi del sabato nei quali saranno impegnate entrambe le squadre milanesi, l’Inter (ancora euforica per la strepitosa vittoria sul Barcellona nella semifinale di Champions League) dovrà assolutamente vincere per restare in scia alla Roma o addirittura sorpassarla in caso di passo falso dei giallorossi, ma la sfida contro l’Atalanta non sarà facile, infatti, i bergamaschi sono una delle squadre più in forma del campionato e dopo gli ultimi risultati positivi credono nella clamorosa salvezza, nel secondo anticipo ci sarà lo spettacolare (almeno in sede di presentazione) Palermo – Milan, nel quale in rosanero in uno stadio Barbera pieno all’inverosimile di tifosi calorosi cercherà di continuare la sua rincorsa al 4° posto ultimo utile per la qualificazione alla prossima Champions League, dall’altro lato ci sarà il Milan che giocherà per l’orgoglio in quanto dopo la sconfitta di domenica scorsa solo la matematica lo tiene in ancora corsa per lo scudetto, oramai distante 7 punti.
Tra le sfide domenicali quella più attesa è senz’ altro il posticipo serale tra Roma e Sampdoria, con i giallorossi (euforici per la vittoria nel derby del turno precedente) che cercheranno di vincere per restare ancora in testa alla classifica, dall’ altra parte i sampdoriani che non possono perdere per non gettare al vento il vantaggio accumulato nella corsa alla Champions League, in tale ottica sono importanti anche le sfide interne di altre due pretendenti, quella del Napoli che gioca contro il Cagliari che è alla ricerca degli ultimi punti salvezza, e quella della Juventus che gioca contro il Bari, che è praticamente salvo.
Nella corsa all’ Europa League ultima chiamata per tre pretendenti, il Genoa che è impegnato in casa contro la Lazio, ripiombata nella lotta per la salvezza dopo la sconfitta nel derby, alla quale una vittoria garantirebbe una buona fetta di salvezza; la Fiorentina impegnata anch’ essa in casa contro il Chievo che è alla ricerca degli ultimi punti per avere la certezza matematica della salvezza; ed il Parma impegnato in trasferta contro il Bologna, che è alla ricerca di una vittoria che gli garantirebbe la quasi salvezza, visto anche il calendario favorevole nelle ultime 3 giornata.
Chiudono il turno due sfide salvezza, Livorno – Catania, con i livornesi oramai condannati alla retrocessione, infatti, anche una vittoria potrebbe voler dire retrocessione al termine di questo turno, viceversa dall’altro lato una vittoria degli etnei vorrebbe dire per loro la salvezza matematica, stesso discorso in Udinese – Siena, dove i friulani in caso di vittoria possono considerarsi salvi anche se non matematicamente, viceversa i toscani solo con una vittoria potranno ancora avere qualche piccola chance di salvezza.


CLASSIFICA:

1) ROMA 71 11) BARI 43
2) INTER 70 12) CHIEVO 41
3) MILAN 64 CAGLIARI 41
4) SAMPDORIA 57 14) CATANIA 40
5) PALERMO 55 15) UDINESE 39
6) NAPOLI 52 16) LAZIO 37
7) JUVENTUS 51 17) BOLOGNA 36
8) GENOA 48 18) ATALANTA 34
9) FIORENTINA 46 19) SIENA 30
PARMA 46 20) LIVORNO 26


IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE A

La 35° giornata caratterizzata da 30 reti, come previsto ha emesso i primi verdetti, passando nel dettaglio la giornata è stata aperta e chiusa dalle partite che vedevano impegnate le due squadre in lotta per lo scudetto, nell’anticipo pomeridiano del sabato l’Inter ha sconfitto 3 a 1 l’Atalanta (le cui speranze di salvezza dopo questa sconfitta, anche i virtù dei risultati degli altri campi, sono minime), invece nel posticipo serale di domenica la Roma è stata sconfitta in casa per 2 a 1 dalla Sampdoria (che respinge gli attacchi dei suoi inseguitori mantenendo il 4° posto, l’ultimo utile per la qualificazione in Champions League), per effetto di questi risultati l’Inter è balzata al comando ed ora ha 2 punti di vantaggio sulla Roma.
Nella lotta per il 4° posto detto della vittoria della Sampdoria, l’unica avversaria rimasta per i doriani è il Palermo che con una grande prestazione ha sconfitto 3 a 1 nell’anticipo di sabato sera il Milan (oramai senza obiettivi) restando a 2 punti dal 4° posto, per tale obiettivo resta in lizza ipoteticamente anche la Juventus che ha vinto 3 a 0 in casa contro il Bari (appagato dalla conquista della salvezza) ma recuperare il distacco di 6 punti con solo 3 gare da disputare è molto difficile, chi invece deve dire addio a tale obiettivo è il Napoli che pareggia 0 a 0 in casa contro il Cagliari (che con questo pareggio ottiene la salvezza) scivolando a 7 punti dalla Sampdoria.
Nella corsa europea sfumano quasi definitivamente le speranze di Genoa, Fiorentina e Parma, tutte e 3 sconfitte, il Genoa è stato battuto in casa per 2 a 1 dalla Lazio (con questa vittoria è quasi salva), la Fiorentina ha perso 2 a 0 in casa contro il Chievo (che ha raggiunto la salvezza matematica) e il Parma ha perso 2 a 1 a Bologna (che fa un bel passo in avanti in ottica salvezza), ora sono distanti dal 7° posto (l’ultimo utile per l’Europa League), rispettivamente di 5 punti il Genoa e 7 punti Fiorentina e Parma.
Nelle restanti due sfide della giornata sono usciti i primi verdetti, anche se per il Siena, sconfitto 4 a 1 a Udine dall’Udinese (che è praticamente salva), la matematica non l’ha ancora condannato, ma i 9 punti di distacco a 3 giornate dalla fine sono praticamente una sentenza di retrocessione, sentenza che invece è arrivata per il Livorno che nonostante la bella vittoria per 3 a 1 sul Catania (non ancora salvo) è retrocesso matematicamente.


1) INTER 73 11) CHIEVO 44
2) ROMA 71 12) BARI 43
3) MILAN 64 13) CAGLIARI 42
4) SAMPDORIA 60 UDINESE 42
5) PALERMO 58 15) CATANIA 40
6) JUVENTUS 54 LAZIO 40
7) NAPOLI 53 17) BOLOGNA 39
8) GENOA 48 18) ATALANTA 34
9) FIORENTINA 46 19) SIENA 30
PARMA 46 20) LIVORNO 29

PRESENTAZIONE 36° GIORNATA SERIE A

Nella 36° giornata della Serie A ci saranno sfide molto delicate sia in testa che in coda che potrebbero emettere verdetti definitivi, passando nel dettaglio la giornata sarà aperta sabato pomeriggio da Parma – Roma, una sfida fondamentale solo per i giallorossi in quanto i ducali sono ormai fuori dai giochi europei, viceversa la Roma cercherà di vincere per mettere pressione alla capolista Inter impegnata nel posticipo serale della domenica contro la Lazio, che si troverà nella strana condizione di arbitro scudetto, da un lato con una vittoria sarebbe sicuramente salva, ma consegnerebbe in caso di una contemporanea vittoria dei giallorossi a Parma una buona fette di scudetto agli odiati concittadini, dall’altra se perde rischierebbe ancora in ottica salvezza e allo stesso tempo darebbe il via libera all’Inter per un probabile scudetto.
Il sabato calcistico sarà chiuso dalla sfida tra due deluse del campionato, infatti, si sfideranno Milan e Fiorentina, con i milanesi fuori dai giochi scudetto e già qualificati per la Champions League ed i viola che sono fuori dai giochi europei a meno che non compiano un miracolo recuperando 7 punti in 3 partite.
La domenica pomeriggio sarà caratterizzata da sfide importantissime nelle quali ci saranno in palio la qualificazione alla Champions League e la salvezza, in ottica Champions League le due principali contendenti, Sampdoria e Palermo saranno impegnate da due squadre già retrocesse, rispettivamente Livorno in casa e Siena fuori, quindi esclusi colpi di scena il duello continuerà la settimana prossima con lo stesso distacco, le altre due ipotetiche contendenti al 4° posto si giocano le residue speranze in trasferta, la Juventus a Catania contro una squadra alla ricerca degli ultimi punti salvezza ed il Napoli a Verona contro il Chievo, che è già salvo, ma realisticamente per entrambe il successo serve più per conquistare la matematica certezza di partecipare alla prossima Europa League che per rimanere in corsa per il 4° posto, in ottica Europa League chi spera in un passo falso di una delle due o di entrambe per giocarsi le ultime chance è il Genoa impegnato in trasferta contro il già salvo Bari, infatti, ai grifoni solo la vittoria e le contemporanea sconfitta di una delle due avversari e di entrambi potrebbe concedere qualche altra chance di qualificazione all’Europa League.
Chiudono il programma due sfide salvezza, la prima tra Cagliari e Udinese, alle quali basta un pari per essere salve matematicamente entrambe, nella seconda sfida si daranno battaglia Atalanta e Bologna, infatti, la gara è l’ultima prova di appello per i bergamaschi, che solo con una vittoria possono ancora sperare di restare in scia alle avversarie per la salvezza, la più vicina delle quali è proprio il Bologna, viceversa una sconfitta o un pareggio equivarrebbero alla retrocessione con conseguente salvezza del Bologna.


1) INTER 73 11) CHIEVO 44
2) ROMA 71 12) BARI 43
3) MILAN 64 13) CAGLIARI 42
4) SAMPDORIA 60 UDINESE 42
5) PALERMO 58 15) CATANIA 40
6) JUVENTUS 54 LAZIO 40
7) NAPOLI 53 17) BOLOGNA 39
8) GENOA 48 18) ATALANTA 34
9) FIORENTINA 46 19) SIENA 30
PARMA 46 20) LIVORNO 29


IL PUNTO SULLA 36° GIORNATA SERIE A

La 36° giornata caratterizzata da 25 reti, non è stata spettacolare ma ha emessi molti verdetti sia matematici che ufficiosi, in attesa del conforto della matematica, passando nel dettaglio la giornata è stata aperta dall’ anticipo pomeridiano del sabato, che si è concluso con la vittoria corsara per 2 a 1 della Roma a Parma, contro una squadra senza più obiettivi ma che ha venduto cara la pelle sfiorando la rete in più occasioni, la vittoria però è stata vanificata dal successo, anche’ esso corsaro, dell’ Inter a Roma contro la Lazio (non ancora salva solo per la matematica) per 2 a 0 nel posticipo serale di domenica, la gara si è giocata in un clima surreale in quanto tutto lo stadio tifava per i nerazzurri per non favorire la Roma nella corsa scudetto, in effetti dopo questa vittoria i nerazzurri , visto il calendario della ultime due giornate , sono praticamente campioni a meno di clamorose cadute.
Il sabato calcistico è stato chiuso dalla sfida tra le due deluse del campionato , il Milan e la Fiorentina , da un lato i rossoneri già qualificati per la Champions League e dall’ altro i viola già fuori dai giochi europei , l’ incontro si è concluso con la vittoria per 1 a 0 dei rossoneri.
Per quanto la lotta per il 4° posto, l’ultimo utile per la conquista di un posto nella prossima Champions League, continua il duello tra Sampdoria e Palermo, entrambe vittoriose, i doriani hanno vinto per 2 a 0 in casa contro il già retrocesso Livorno, mentre il Palermo ha vinto 2 a 1 in trasferta a Siena (retrocesso matematicamente dopo questa sconfitta), questi due successi fanno tramontare definitivamente i sogni di Juventus e Napoli, infatti, per loro il distacco dal 4° posto è incolmabile, tuttavia con la sconfitta del Genoa per 3 a 0 a Bari (già salvo da qualche settimana) hanno conquistano matematicamente l’accesso alla prossima Europa League, la Juventus ha impattato 1 a 1 a Catania (che con questo pareggio è matematicamente salvo), il Napoli invece ha vinto 2 a 1 a Verona contro il Chievo (salvo già da domenica scorsa), questa vittoria permette ai partenopei di scavalcare i bianconeri al 6° posto, fondamentale le per evitare i preliminari di Europa League riservati alla 7° classificata.
In ottica salvezza si è praticamente scritta la parola fine ai sogni di rimonta dell’ Atalanta che ha pareggiato 1 a 1 in casa contro il Bologna, diretta rivale per la salvezza, con questo pareggio il distacco da recuperare è di 5 punti a 2 giornate dalla fine, un ritardo oggettivamente difficile se non impossibile da recuperare, sono invece salve matematicamente con il pareggio per 2 a 2 Cagliari e Udinese.


1) INTER 76 11) BARI 46
2) ROMA 74 12) CHIEVO 44
3) MILAN 67 13) CAGLIARI 43
4) SAMPDORIA 63 UDINESE 43
5) PALERMO 61 15) CATANIA 41
6) NAPOLI 56 16) LAZIO 40
7) JUVENTUS 55 BOLOGNA 40
8) GENOA 48 18) ATALANTA 35
9) FIORENTINA 46 19) SIENA 30
PARMA 46 20) LIVORNO 29


PRESENTAZIONE 37° GIORNATA SERIE A

La 37° giornata (penultima) della Serie A, che si giocherà tutta in contemporanea domenica alle ore 15, sarà caratterizzata soprattutto dalle sfide che possono decidere le sorti dello scudetto e dell’assegnazione del 4° posto, l’ultimo utile per la Champions League, passando nel dettaglio le duellanti per lo scudetto saranno entrambe impegnate in casa contro due avversarie oramai appagate dal raggiungimento della salvezza matematica, l’Inter ospiterà il Chievo, la Roma il Cagliari, tutto lascia presagire che a meno di colpi di scena lo scudetto si assegnerà nell’ultimo turno di campionato.
Il big-match della giornata sarà certamente Palermo – Sampdoria nel quale si potrebbe decidere chi delle due acquisirà il diritto a partecipare alla prossima Champions League, in tale ottica il Palermo che insegue a 2 punti è obbligato a vincere, viceversa ai doriani potrebbe bastare anche un pari, in ottica Europa League giocano in casa sia il Napoli che la Juventus, i partenopei ospiteranno l’Atalanta che non è ancora retrocessa ma dopo il passo falso di domenica scorsa le speranze di restare in serie A sono davvero minime, infatti, anche un clamoroso colpaccio potrebbe essere inutile, invece i bianconeri ospiteranno il Parma un squadra ostica che gioca un bel calcio ma ormai appagata dall’eccellente campionato disputato, entrambe le squadre pur se già qualificate alla prossima edizione dell’Europa League sono quasi obbligate a vincere per evitare il 7° posto che li costringerebbe ai preliminari di luglio.
In ottica salvezza ci sarà lo scontro diretto tra Bologna e Catania, alle quali potrebbe bastare un pareggio o addirittura anche la sconfitta, se l’Atalanta non vince a Napoli, per festeggiare insieme la salvezza matematica, stesso discorso vale per Lazio che è impegnata a Livorno (già retrocesso da 2 settimane) dove con una vittoria sarebbe salva matematicamente, ma anche un pareggio o una sconfitta la salverebbe ugualmente se l’Atalanta non dovesse vincere.
Chiudono il programma 3 sfide che non hanno interessi di classifica, dalle quali si spera di assistere a sfide spettacolari giocate a viso aperto non avendo assilli di classifica, nel dettaglio si sfideranno, Udinese –Bari, Fiorentina - Siena e Genoa – Milan.


1) INTER 76 11) BARI 46
2) ROMA 74 12) CHIEVO 44
3) MILAN 67 13) CAGLIARI 43
4) SAMPDORIA 63 UDINESE 43
5) PALERMO 61 15) CATANIA 41
6) NAPOLI 56 16) LAZIO 40
7) JUVENTUS 55 BOLOGNA 40
8) GENOA 48 18) ATALANTA 35
9) FIORENTINA 46 19) SIENA 30
PARMA 46 20) LIVORNO 29


IL PUNTO SULLA 37° GIORNATA SERIE A

La 37° giornata (giocata finalmente tutta in contemporanea) è stata molto spettacolare caratterizzata da ben 33 reti, e nonostante fosse la penultima, non ha emesso ancora tutti verdetti, restano ancora in ballottaggio lo scudetto e il 4° posto, l’ultimo utile per la qualificazione alla prossima Champions League, anche se i risultati di ieri hanno fatto fare un notevole passo in avanti rispettivamente a Inter e Sampdoria.
Passando nel dettaglio per quanto riguarda la lotta per lo scudetto, hanno vinto entrambe le contendenti, l’Inter ha battuto al Meazza 4 a 3 il Chievo, che passato in vantaggio ha subito il ritorno dei nerazzurri che si sono portati sul 4 a 1, ma che è stato capace di rimontare fino al 4 a 3 finale, vittoria anche per la Roma in casa per 2 a 1 contro il Cagliari, anche in questo casa vittoria sofferta in rimonta.
Nell’altro duello, quello relativo alla conquista del 4° posto, l’ultimo utile per la qualificazione alla prossima Champions League, passo in avanti della Sampdoria che è uscita indenne dallo scontro diretto di Palermo terminato 1 a 1, per la zona Europa League il Napoli battendo 2 a 0 in casa l’Atalanta (retrocessa matematicamente dopo questa sconfitta) conquista matematicamente il 6° posto, utile per evitare i preliminari di Europa League, il verdetto è arrivato grazie anche alla clamorosa sconfitta casalinga per 3 a 2 della Juventus contro il Parma.
In ottica salvezza con la sconfitta dell’Atalanta per 2 a 0 a Napoli e la concomitante vittoria della Lazio 2 a 1 a Livorno (già retrocesso da qualche settimana) e il pareggio per 1 a 1 tra Bologna e Catania, si è chiuso il capitolo retrocessioni, con la retrocessione in serie B dell’Atalanta.
Hanno chiuso il programma 3 sfide che non avevano interessi di classifica, nel dettaglio il derby toscano tra le due deluse Fiorentina (mancato accesso alla zona Europa) e Siena (retrocesso domenica scorsa) terminato 1 a 1, la sfida spettacolo tra Udinese e Bari terminata 3 a 3, ed il match ad alto rischio, giocato a porte chiuse, per la rivalità tra le tifoserie tra Genoa a e Milan terminato 1 a 0 per i liguri.


1) INTER 79 BARI 47
2) ROMA 77 12) CHIEVO 44
3) MILAN 67 UDINESE 44
4) SAMPDORIA 64 14) CAGLIARI 43
5) PALERMO 62 LAZIO 43
6) NAPOLI 59 15) CATANIA 42
7) JUVENTUS 55 16) BOLOGNA 41
8) GENOA 51 18) ATALANTA 35
9) PARMA 49 19) SIENA 31
10) FIORENTINA 47 20) LIVORNO 29


PRESENTAZIONE 38° GIORNATA SERIE A

L’ultima giornata di questa appassionante campionato di Serie A, il più emozionante degli ultimi anni, sarà incentrata esclusivamente sulla lotta per lo scudetto e per la conquista del 4° posto, l’ultimo utile per la qualificazione ai preliminari della prossima Champions League, in quanto tutti gli altri verdetti sono stati emessi, il turno calcistico non sarà giocato tutto in contemporanea alle ore 15 di domenica, in quanto per motivi di ordine pubblico derivanti dalla festa scudetto che si terrà a Milano o a Roma a seconda di quale squadra vincerà il campionato, si è preferito far giocare le sfide delle altre due squadre delle metropoli, cioè Milan – Juventus e Lazio – Udinese, in anticipo sabato sera per evitare che le tifoserie cittadine rivali si possano trovare a diretto contatto.
Nel duello per la conquista dello scudetto entrambe le contendenti saranno impegnate in trasferte non proibitive, l’Inter andrà a Siena, invece la Roma a Verona contro il Chievo, visto il vantaggio di due punti in classifica, l’Inter vincerà lo scudetto sia vincendo che facendo lo stesso risultato della Roma, viceversa se le due squadre realizzeranno lo stesso numero di punti per gli scontri diretti, lo scudetto sarà vinto dalla Roma.
Per quanto riguarda il duello per la conquista del 4° posto la Sampdoria ospita il Napoli, invece il Palermo andrà a Bergamo contro l’Atalanta, entrambe le gare sono insidiose, infatti, da un lato il Napoli vorrà chiudere in bellezza il suo fantastico campionato concluso con la qualificazione all’Europa League, nell’atra sfida l’Atalanta cercherà di chiudere in bellezza il suo fallimentare campionato che si è concluso con la retrocessione in serie B, come nel caso della lotta per lo scudetto anche in questo caso visto il vantaggio di due punti in classifica, la Sampdoria si qualificherà ai preliminari sia vincendo che facendo lo stesso risultato del Palermo.
Il resto della domenica calcistica offre 4 sfide che non hanno interessi di classifica, nel dettaglio si giocheranno Bari – Fiorentina / Cagliari – Bologna / Catania – Genoa / Parma – Livorno, che si preannunciano gradevoli in quanto saranno probabilmente giocate a viso aperto non avendo assilli di classifica, l’unico denominatore comune è la maggiore motivazione delle squadre casalinghe che vorranno chiudere in bellezza davanti al proprio, pubblico il loro positivo campionato, conclusosi con la salvezza anticipata.

1) INTER 76 11) BARI 46
2) ROMA 74 12) CHIEVO 44
3) MILAN 67 13) CAGLIARI 43
4) SAMPDORIA 63 UDINESE 43
5) PALERMO 61 15) CATANIA 41
6) NAPOLI 56 16) LAZIO 40
7) JUVENTUS 55 BOLOGNA 40
8) GENOA 48 18) ATALANTA 35
9) FIORENTINA 46 19) SIENA 30
PARMA 46 20) LIVORNO 29





















IL PUNTO SULLA 38° GIORNATA SERIE A

La 38° giornata (ultima giornata di campionato) caratterizzata da 24 reti, non ha riservato grandi sorprese, infatti, i verdetti ancora da assegnare stato stati ad appannaggio delle due squadra avanti in classifica alla vigilia di questa giornata, cioè Inter (campione) e Sampdoria (ai preliminari di Champions League).
Passando nel dettaglio per quanto riguarda la lotta per lo scudetto, hanno vinto entrambe le contendenti, l’Inter ha vinto 1 a 0 a Siena, trovando la rete della vittoria solo nel secondo tempo, la Roma ha vinto 2 a 0 a Verona contro il Chievo chiudendo la partita già nel primo tempo, per effetto di questi risultati la classifica non cambia, infatti, l’Inter mantiene i due punti di vantaggio che aveva sulla Roma laureandosi campione per la 18° volta.
Nell’altro duello, quello relativo alla conquista del 4° posto, l’ultimo utile per la qualificazione alla prossima Champions League, entrambe le contendenti hanno vinto, la Sampdoria 1 a 0 in casa contro un coriaceo Napoli che ha venduto cara la pelle, subendo la rete solo ad inizio riprese e sfiorando in più occasioni il pareggio, vittoria sofferta anche per il Palermo che batte 2 a 1 l’Atalanta in trasferta, grazie ad un rigore a recupero scaduto, per effetto di questi risultati la Sampdoria mantiene i due punti di vantaggio ed accede ai preliminari di Champions League.
Analizzando le altre partite c’è da segnalare la doppia vittoria interna negli anticipo serali del sabato, del Milan per 3 a 0 sulla Juventus e della Lazio per 3 1 a contro l’Udinese turno calcistico, partite anticipate per evitare problemi di ordine pubblico a Milano e Roma dove si sarebbe svolta la festa scudetto della squadra campione d’Italia.
Il resto della domenica calcistica ha offerto 4 sfide che non avevano interessi di classifica, nel dettaglio si sono giocate Bari – Fiorentina / Cagliari – Bologna / Catania – Genoa / Parma – Livorno, che si sono giocate in un clima quasi amichevole, nel dettaglio il Bari ha vinto 2 a 0 stabilendo il suo record di punti in serie A, il Catania ha vinto 1 a 0 con l’ennesima rete di Maxi Lopez il cui arrivo nel mercato di riparazione ha contribuito in maniera decisiva alla salvezza degli etnei, il Parma ha vinto 4 a 1 conquistato l’ottavo posto che gli consentirà di saltare tutta la prima fase della prossima Coppa Italia, infine pari per 1 a 1 tra Cagliari e Bologna in una classica sfida di fine stagione.



CLASSIFICA FINALE

1) INTER 82 11) FIORENTINA 47
2) ROMA 80 12) LAZIO 46
3) MILAN 70 13) CATANIA 45
4) SAMPDORIA 67 14) CAGLIARI 44
5) PALERMO 65 CHIEVO 44
6) NAPOLI 59 UDINESE 44
7) JUVENTUS 55 16) BOLOGNA 42
8) PARMA 52 18) ATALANTA 35
9) GENOA 51 19) SIENA 31
10) BARI 50 20) LIVORNO 29

VERDETTI:

INTER campione
ROMA e MILAN in Champions League
SAMPDORIA ai preliminari di Champions League
PAKLERMO e NAPOLI in Europa League
JUVENTUS ai preliminari di Europa League
ATALANTA, SIENA e Livorno in serie B
 

Torna alla categoria "articoli"

Sito Online di Euweb