16 Ottobre 2019 - 11:31

home articoli cultura giornali contattaci guestbook links ultimissime
Google
Bruno Russo- [ EVENTI ] VOLA E VA ( da "Il ROMA" del 26/02/2011 pag. 11 )
VOLA E VA’ CON GAETANO CERRITO Gaetano Cerrito è il guidatore di una macchina speciale, che corre sulle strade a percorrenza limitata che conducono a...
[ EVENTI ] QUANDO LA POESIA E’INCONTRO DI CULTURA E SOLIDARIETA’ ( da "Il ROMA" DEL 12/01/2011 pag. 12 ).
Cosa c’entra la poesia e le nuvole, con un condimento particolare come l’aglio? Ce l’ha spiegato il poeta italo-argentino Carlos Sanchez, condividendo...
Bruno Russo- [ EVENTI ] I MIEI PRIMI 40 ANNI ( da "il ROMA" del 12/01/2011 pag. 23 )
Napoli sta cambiando, almeno in questo: sta presentando una cultura del ritrovo giovanile, che considerati i coprifuochi di varie zone della collina ...
Bruno Russo- LA CONVENIENZA
La convenienza di Veltroni è quella che non gli consente di giudicare corretta, la proposta di Silvio Berlusconi per la cancellazione del bollo dell'auto nota come tassa di circolazione, impopolare ai più ma giustificata da tutti i governi. Se gli oneri che gravano sulla macchina non fossero tanti, tasse e assicurazione comprese, le case automobilistiche non proporrebbero le auto a prezzi sempre più convenienti, con full optional incluso, con ogni tipologia di assicurazione inclusa nel prezzo, con la possibilità di piccole rate che uggi si portano tanto. Si potrebbe dire che è una buona lezione data da Padoa Schioppa e soci al rincaro dell'auto e alle fauci dei pezzi di ricambio che ci svuotano il portafoglio. Ma evidentemente trascurano che dietro all'impossibilità di pagare il bollo auto, di mantenere una macchina, di pagare mille euro e più all'anno per l'assicurazione, ci stà la mancanza dell'adeguamento del costo del lavoro per molte categorie. Da questo punto di vista la gente non può tenere testa a tutte le tasse, soprattutto quelle che riguardano il possesso di un bene come l'automobile, per il quale onere abbiamo già pagato un costo di acquisto, uno di messa su strada, uno di immatricolazione, uno di bollino blu, uno di revisione, uno di assicurazione, uno relativo all'eventuale tagliando in agguato, seguito dai pezzi di ricambio, uno di IVA, uno se decisiamo di mettere i vetri scuri. Stiamo perdendo la coscienza delle cose che ci vengono chieste come cittadini e i politici non sono ne approfittano, poi ci tradiscono e poi ridono in faccia a chi vuole riportare il calmiere del cittadino a valori di normalità. L'unica cosa che si puà dire con pacata ilarità e massima serietà è che il bollo d'auto è un furto e che se non ci fossero tutte queste tasse la vita sarebbe molto ma molto più gradevole.
File allegato: Le liberalizzazioni-di Carlo Lottieri.pdf
 

Torna alla categoria "ARTICOLI"

Sito Online di Euweb